piero montanari

Loading...

L'AUTORE

lunedì 24 dicembre 2012

Ma chi veste Paola Ferrari?


di Piero Montanari
La prima puntata della domenica sportiva, DS per gli amici, vecchio e glorioso rotocalco televisivo di sport, andò in onda la prima volta il 3 gennaio 1954 alle 23.15 con le immagini della partita Inter - Palermo. Allora c'era un solo canale Rai, e mio padre comprò proprio quell'anno un televisore la cui marca mi rimase impressa, "Royal Eagle", aquila reale. Pesava come un armadio a tre ante con lo chassis di radica di noce e costava come un anno di stipendio di un operaio.

In quasi 60 anni la trasmissione ha avuto in organico grandi giornalisti e grandi conduttori, tra i quali Enzo Tortora, Paolo Frajese, Sandro Ciotti, Gianni Minà, Alfredo Pigna, per citarne solo alcuni. Dalla domenica sportiva, come per tutte le cose che partono da lontano nel tempo per arrivare fino a noi, è facile stabilire, anche attraverso una lettura superficiale della trasmissione, i cambiamenti e i passaggi della storia di questo paese, con i costumi e i modi di dire e fare televisione di 58 anni.

Ieri sera, puntata n° 2.500 ed oltre, ho capito davvero di essere a Natale vedendo il vestito di Paola Ferrari, l'attuale conduttrice del programma che, per come era addobbata, non lasciava alcun dubbio sulle prossime festività. Ci mancavano solo le palle appese.
La signora Ferrari in De Benedetti debbo dire che mi sta proprio simpatica, e trovo anche sua conduzione un po' folle, con gli imbarazzanti interventi di Gene Gnocchi che non risparmia pesanti bordate a nessuno, anche spesso rivolte proprio a lei.

Qualcuno però dovrebbe avvertire la cortese signora che forse le donerebbero un trucco più sobrio, e dei vestiti più acconci per sua età, non proprio adolescenziale, essendo nata pochissimi anni dopo la sua trasmissione.
Ieri sera, vestito dorato, cosce sovraesposte, chioma biondissima, labbra ipertrofiche, trucco dato con la cazzuola (da rischiare un ulteriore allargamento del buco dell'ozono) e le solite, incredibili luci giallo paglierino su di lei che la fanno sembrare una apparizione mistica, Nostra Signora del Pallone, l'eccesso sembrava aver raggiunto, almeno per il 2012, il suo massimo storico.

Mi rifiuto di pensare che la gentile signora Ferrari in De Benedetti (è sposata con Marco De Benedetti, figlio di Carlo, già amministratore delegato di TIM) sia totalmente in balia della sua truccatrice televisiva, cosa che, se fosse vera, potrebbe far scattare una denuncia per plagio di persona.

Allora, cara Paola, ci dia meno "sotto" con belletti, acido ialuronico, luci da epifania e vestiti inadatti: la trasmissione ne guadagnerebbe, ed anche lei insieme a noi.
E' solo un modesto consiglio, non me ne voglia. Buon Natale con affetto.

venerdì 21 dicembre 2012

Minetti, Ronaldo e la fine del mondo

di Piero Montanari
La fine del mondo annunciata dai Maya sembrerebbe scongiurata, almeno da quella parte dell'emisfero che si sveglia 12 ore prima di noi e non gli è crollata addosso la casa o la capanna. C'è chi consiglia di aspettare la loro mezzanotte e un secondo per saperne di più, però mi pare anche superfluo aggiungere che questa è ovviamente una delle tante bufale new age che circolano per il web e che servono agli organizzatori di party per riempire il mondo di feste d'addio all'umanità e le loro tasche di soldi.

La prima cosa che ho fatto stamane è stato appunto constatare di essere ancora affacciato sopra questo travagliato mondo e pensare così di non poter finalmente scampare all'ineluttabile cenone di Natale con la famiglia.
Sarei però infelicemente scomparso se non avessi letto la notizia che rischiavo di portarmi nella tomba per l'eternità. Eccola: "Notte di passione a Madrid tra Cristiano Ronaldo e Nicole Minetti" - racconta Cuore, una rivista spagnola di cardio-gossip - che così prosegue: "Lo scorso 9 dicembre, approfittando dell'assenza della fidanzata Irina Shayk, che si trovava a Miami, il giocatore del Real Madrid si sarebbe dato appuntamento con la Minetti in un noto albergo della capitale spagnola. I due avrebbero cenato insieme prima di appartarsi in camera con tanto di champagne, col giocatore che avrebbe lasciato l'hotel all'alba."

Notizia bomba davvero, e la danno le più importanti testate nazionali. Sono queste le cose che ci piacciono, che catturano la nostra fantasia, che ci fanno dimenticare le pene di tutti giorni, la love sory di Nicole e Cristiano , tra la balla dei Maya, le palle di natale, i palloni del giocatore, le bocce della Minetti.

Vale la pena di non essere morti per saperne di più i prossimi giorni, soprattutto quando ritornerà da Miami la fidanzata Irina Shayk e saprà di Nicole e Ronaldo.
Attendo con ansia le possime 12 ore e se sopravvivo vi racconto.

venerdì 7 dicembre 2012

Tre motivi per votare Berlusconi

di Piero Montanari
Eccoci qua, tutti pronti, ad indignarci contro il Cavaliere che in sella al suo pony, (prima, ovviamente, era un bel baio scuro) ha deciso di rientrare nell'agone politico, più motivato e forte che pria, a difendere il suo possibile 15 % di elettorato di nostalgici, il partito dei SSMQSSP (Si Stava Meglio Quando Si Stava Peggio) sempre pronto a ricicciare fuori, in ogni epoca, appena appare all'orizzonte una nuova crisi sociale e politica.

Eccoci quindi tutti pronti, giù botte, a dare addosso senza tregua, a questo povero ometto, ricco solo di denaro, alla fine del suo percorso esistenziale, che si aggrappa alle sue ultime sinapsi per difendere se stesso dalle ingiurie dei giudici e del mondo. INRI, scriveranno sul suo sarcofago, crocefisso dalla storia, insultato dai "mercati" al tempio che hanno decretato alla sua amata Italia "con i ristoranti sempre pieni", un posto in classifica da ultima della classe.

Lui, il Grande Negatore, che negava la crisi, come negava il puttanaio che gli girava intorno con la sua regia, come negava il conflitto d'interessi, che invece affermava con forza la difficoltà, da qualcuno condivisa, di "chiavarsi la Merkel", affermato ma non confermato.
Si, proprio lui, il Cavaliere, avvicinato a figure storiche come Napoleone e Mussolini, tra cento giorni e Repubbliche di Salò, sbaraglia tutti e riscende nell'Arena a cavallo del suo pony. A volte ritornano, come citava il titolo di un film horror, o come sono spesso le peperonate della sera prima.
Però, e ribadisco però, il suo ritorno potrebbe essere strategico per la salute del Paese e provo a spiegarne il perchè in tre miei piccolissimi punti:

1) Una grande parte dei suoi sostenitori, mancando Berlusconi, voterebbero per Grillo M5S. Se ritorna in campo Silvio tornerebbero a votare lui, che non mi pare proprio un avversario politicamente in forma.
2) Credo sia meglio il 15% dell'anziano fondatore del PdL, pericoloso ma pericolante, che il 25-30% di un "partito" (o movimento che sia) del quale non si conosce nulla, se non il suo leader che di professione fa il comico e la sua eminenza grigia Gianroberto Casaleggio, che invece fa l'esperto di successo in marketing aziendale, che non si sa proprio dove possano condurre, tra slogan urlati alle piazze e sfascismo d'ordinanza.
3) Ponti d'oro al nemico che ritorna con le armi spuntate, dopo la gelida campagna di Russia, se dà una mano, suo malgrado, a far vincere anzi, a stravincere, l'Italia migliore.

Premio alla Cultura

PREMI SPECIALI

A BENEMERITI DELLA CULTURA

(Trofeo di Cristallo e Medaglia d’oro del Presidente dell’Ass. Cult. “P. Raffaele Melis O.M.V.”)

Musicista Regista Maestro PIERO MONTANARI
Roma

Premio “Francesco Di Lella”

“Per avere contribuito con la musica e la regia all’evoluzione ed all’affermazione di attori e cantanti di chiara fama nazionale ed internazionale, lasciando un segno vivo nel panorama cinematografico e musicale italiano, senza mai desistere anche in un periodo così difficile ed arduo come l’attuale.”

Firmato Augusto Giordano, Getulio Baldazzi, P.Ezio Bergamo, Rita Tolomeo, Maurizio Pallottí, Domenico Di Lella, Maria Fichera, Gianni Farina, Rita Pietrantoni, Paola Pietrantoni, Domenico Gilio.

Il premio sarà conferito il 13 giugno 2010 alle ore 16 al teatro S. Luca, in via Lorenzo da' Ceri 136 - Roma.

Esce il cofanetto della mitica trasmissione!

Esce il cofanetto della mitica trasmissione!
Finalmente nelle librerie "L&H:2 Teste senza cervello", libro e Dvd con la summa delle puntate migliori e, udite udite, dialoghi ANCHE IN ORIGINALE . Lo abbiamo presentato da MelBookStore il 30 giugno 09. C'era Italo Moscati, persona di straordinaria cultura e spessore umano. Con quella di Giancarlo le due 'memorie' si intersecavano a meraviglia! Due teste con parecchio cervello...SE TI INTERESSA COMPRARLO, CLICCA SULL'IMMAGINE!

Al Parco di S. Sebastiano

Al Parco di S. Sebastiano
Con Guido De Maria e Giancarlo Governi, i padri di SUPERGULP!

Celebriamo SUPERGULP!

Celebriamo SUPERGULP!
Talk Show con Giancalo e Guido al "Roma Vintage Festival", 16 giugno 2009 dedicato allo storico programma Rai

Celebriamo Gabriella Ferri

Celebriamo Gabriella Ferri
Con Giancarlo

...e Rino Gaetano

...e Rino Gaetano
Con Giancarlo

...ancora Rino

...ancora Rino

Con sua sorella Anna Gaetano e Giancarlo

Con sua sorella Anna Gaetano e Giancarlo
In omaggio a Rino, quella sera ho cantato "I love you Maryanna", primo disco di Rino, prodotto da me e da Antonello Venditti nel 1973. Con Rino feci un tour nel 1979. Alla batteria c'era Massimo Buzzi, alle chitarre Nanni Civitenga e Rino e io al basso. Il 'road manager' era Franco Pontecorvi che oggi vive come me sui Castelli Romani e vende occhiali.

Serata Supergulp

Serata Supergulp
Venerdì 17 luglio '09 al Parco S. Sebastiano (Caracalla) all'interno di Roma Vintage, verrà ripetuta la serata dedicata alla genesi del mitico programma televivivo. Parteciperanno Giancarlo Governi, Guido De Maria e Piero Montanari (me stesso...). Appassionati intervenite!

Un giovane promettente...

Un giovane promettente...
Luca, il giorno che si è vestito bene per il suo saggio di pianoforte. Sarà pur vero che "ogni scarrafone è bello a mamma soia", ma ci saranno pure degli scarrafoni universalmente belli, o no?

Maggio 2008: un piacevole incontro

Maggio 2008: un piacevole  incontro
Dopo più di vent'anni ho rivisto l'amico Giorgio Ariani, grande attore e voce ufficiale Italiana di Oliver Hardy (Ollio). Nel 1985 realizzammo la sigla di "2 Teste senza cervello" e Giorgio, con Enzo Garinei (Stanlio) doppiò una marea di film della coppia per i quali realizzai le musiche.

Una gita al "Giardino dei Tarocchi"

Una gita al "Giardino dei Tarocchi"
A Capalbio (Gr.) c'è un posto magico da visitare, con opere d'arte tra ulivi e macchia mediterranea, opera dell'architetta Niky De St. Phalle che ha realizzato in 20 anni un percorso di magnifiche statue ispirate ai Tarocchi, le magiche carte che predicono il futuro...Dato il suo nome, è meta di "sole" e personaggi cosiddetti " taroccati". Wanna Marchi e sua figlia sono state spesso viste aggirarsi tra le magnifiche statue!

Diana Nemi 2007/2008

Diana Nemi 2007/2008
Da sx alto: Samuele, Emanuele, Federico R., Lorenzo, Matteo, Edoardo, il Mister Eugenio Elisei. Sotto:Simone, Luca, Daniele, Valerio, Riccardo, Federico C.

Luca e Pedro 'Piedone' Manfredini

Luca e Pedro 'Piedone' Manfredini
Col mio "idolo" calcistico di ieri

Luca e Francesco Totti

Luca e Francesco Totti
Col suo "idolo" calcistico di oggi

Luca Montanari

Luca Montanari
Il calciatore. Questa stagione, la prima di campionato con i pulcini della "Diana Nemi", è capocannoniere. Ha messo a segno ben 43 reti e tutte senza rigori, ma ventidue su calci piazzati!

Luca Montanari

Luca Montanari
Nel momento della premiazione

Daniele Serafini

Daniele Serafini
La premiazione

A S D Diana Nemi Pulcini '98. Anno 2006 -'07

A S D Diana Nemi Pulcini '98. Anno 2006 -'07
Da sx della foto: Samuele, Matteo, Riccardo,Federico, Wulnet, Carlo, Luca, Daniele. Seduto con il pallone, una vera pestilenza, Federico Rosselli. Dobbiamo dire grazie alla pazienza infinita del Mister Eugenio Elisei, che più volte ha pensato di mollare la squadra e dedicarsi alle missioni in Angola - E' meno faticoso - mi ha detto, disperato, alla fine di un allenamento.

Allenamenti anno 2007-2008

Allenamenti anno 2007-2008
Il mio secondo figlio unico...

Matteo Montanari

Matteo Montanari
Il mio primo figlio unico...

Ado e Sania Montanari

Ado e Sania Montanari
The Peter's Sisters

La Roma tra la "B" e la "A" 1951-1952

La Roma tra la "B" e la "A" 1951-1952
Memmo Montanari (primo a dx nella foto) con i suoi tifosi in una trasferta della Roma. La foto è stata scattata al ritorno da Verona il 22 giugno 1951. Solo dopo quella partita la Roma ebbe la certezza di tornare in serie A

Memmo Montanari, capo dei tifosi, in azione nel suo poderoso incitamento alla squadra.

Memmo Montanari, capo dei tifosi, in azione nel suo poderoso incitamento alla squadra.
Mio padre, che si diceva fosse danaroso, quando morì era povero. Qualcuno nel nostro quartiere Celio racconta ancora che comprava i giocatori alla Roma...

Mio padre al centro dei vip della Roma

Mio padre al centro dei vip della Roma
Ricordo questa foto da sempre. Quella che avevamo in casa aveva un ritocco fatto a mano da non so chi (forse mio padre stesso). Il "pittore" aveva dipinto a tutti pantaloncini da calcio e gambe nude! In quel periodo glorioso nasce il giornale "Il Giallorosso" che contribuì attivamente alla ricostruzione della Roma. Fu fondato da mio padre, Angelo Meschini (capi storici di allora del tifo romanista) e dai fratelli Mario e Peppino Catena (soci della Roma) con la collaborazione dell'avvocato Alberto Saccà, con cui mio padre, nei miei ricordi da piccolo, aveva rapporti conflittuali.

Il Giallorosso

Il Giallorosso
Testata del giornale dei tifosi della Roma fondato da mio padre nel 1952. Ero piccolino e ricordo quel giorno che mi fece vedere le bozze...ricordo la finestra della mia camera sulla Piazza, al civico 4, ed il Colosseo davanti.

Pop & Jazz History

Pop & Jazz History
Sonorizzazione

1970 Pop Maniacs

1970 Pop Maniacs
Qui ci sono anche le musiche di Spyderman e i Fantastici Quattro che feci nel 1977 per Supergulp!

Il Pianeta Totò

Il Pianeta Totò
Fotogramma della sigla di Mario Sasso per la prima trasmissione di Rai 2 sul grande attore. Gli occhi di Totò si muovevano a tempo con una mia tarantella che si trasformava via via in rock sulle note di Malafemmena.

Laurel & Hardy

Laurel & Hardy
Logo originale della trasmissione

Laurel & Hardy

Laurel & Hardy
Un fotogramma della sigla di "Due teste senza cervello". Ci lavorò a lungo il videoartista Mario Sasso, alla SBP di Roma, con Virginia Arati che dipingeva elettronicamente 'frame by frame', con un computer costosissimo della Quantel che si chiamava appunto Paintbox. Credo che questa sigla sia stata la prima in Tv ad essere realizzata con questa straordinaria tecnica.

Il mio recording studio

Il mio recording studio
La regia

studio

studio
La sala di ripresa

studio

studio
la regia

studio

studio
La regia

Il ritorno di Ribot 1991

Il ritorno di Ribot 1991
Uno sceneggiato interpretato dal grande cantante e attore franco-armeno Charles Aznavour e Delia Boccardo, diretto da Pino Passalacqua per Rai1 e Antenne2 con la colonna sonora composta da me.

Processo di famiglia di Nanni Fabbri, 1992 per Rai1

Processo di famiglia di Nanni Fabbri, 1992 per Rai1
Alessandra Martinez, protagonista del film in due puntate con la mia colonna sonora.

Le Gorille

Le Gorille
Serie TV franco anglo italiana che riprende dei film del 1957-58 con Lino Ventura. Il personaggio è Geo Paquet, agente segreto francese, Di questa serie ho musicato 2 episodi, per la regia di Maurizio Lucidi e Duccio Tessari

Top model

Top model
Film con D'Amato

Top model

Top model
Stesso film uscito in Grecia

Top girl

Top girl
Film sequel di D'Amato. Beh, dopo tutte ste top, non poteva mancare la girl!

High finance woman

High finance woman
Altro film di D'Amato con le mie musiche